layer slider layer slider

FAQ

Piscina a Sfioro? Quali sono le sue caratteristiche?

Le piscine a sfioro si caratterizzano per l’acqua che arriva fino a filo pavimento, fuoriesce e passa attraverso griglie disponibili in materiali diversi che circondano il perimetro della piscina. Il bordo sfioratore può essere inserito su tutto il perimetro della vasca oppure su una porzione del suo perimetro. L'acqua è quindi indirizzata ad una vasca detta di compenso posizionata tra la piscina e l’impianto di filtrazione (all’interno del locale tecnico). Lo scopo di questa struttura è quello –appunto- di “compensare” le perdite d’acqua dovute all’immersione delle persone in piscina. Immergendosi in piscina, il volume del corpo alza il livello dell’acqua che defluisce dal bordo sfioratore; nel momento in cui si esce, il livello dell’acqua non arriverà più al bordo; la necessità è quella di ripristinare il livello. Ecco la ragione della necessità della vasca di compenso: un serbatoio per integrare il volume dell’acqua. L’acqua dalla vasca di compenso verrà poi recuperata, filtrata, e rimessa in piscina tramite le apposite bocchette d’immissione. La vasca di compenso ha misure variabili in base alla superficie della vasca natatoria.
Tra gli aspetti positivi da evidenziare: il sistema di sfioro consente, attraverso la tracimazione dell'acqua, l'immediata fuoriuscita delle impurità che si depositano a pelo d'acqua, mantenendo la vasca sempre molto pulita. Si aggiunge la risultante estetica di questo sistema: sono piscine che sembrano appese nel nulla, veri e propri specchi d’acqua che esaltano i giochi di luce. Di certo è una scelta raffinata, per quanto più costosa rispetto alla piscina a skimmer, considerando che si tratta di un sistema più complesso.
 

Indietro